ATTENZIONE!!! Philweb si è trasformato.
Dal 24 settembre è diventato un blog. Clicca qui e corri subito a vederlo!

Philweb.it - Home
Main Navigation
Martedì, 06 Dicembre 2022
 
Ultime notizie

Recensioni

Vaccari 2011-2012: svelato l'ottocento filatelico italiano

Si, perchè il nuovo catalogo biennale di casa Vaccari, che festeggia i suoi 20 anni e ben 15 edizioni, non è solo un elenco di francobolli con relative quotazioni (diffusamente al rialzo, con settori penalizzati dalla scarsa domanda) ma soprattutto un Trattato storico dedicato alla filatelia degli Antichi Stati Italiani fino al 1900 del Regno d'Italia. 496 pagine, 1200 pagine a colori, con testi di approfondimento e notizie storico-postali. Novità: completati i tariffari e introdotti i nuovi capitoli "Firenze capitale" e "Cartoline vaglia".

Vaccari 2011-2012: svelato l'ottocento filatelico italiano

Il Vaccari è un catalogo diverso dagli altri. Tanto per cominciare è settoriale (riguarda infatti esclusivamente la filatelia risorgimentale, dagli Antichi Stati fino al 1900). E' super specializzato, con approfondimenti tecnici e storici, su dettagli sui quali solitamente i cataloghi generalisti sono meno prolissi, come le tirature, i saggi, i falsi, ecc. Ma è anche enciclopedico, con una ricca introduzione storico-postale per ciascuno Stato pre-unitario, con notizie su tariffe postali, tariffe in uso, uffici postali, tipologie di annulli e quant'altro. E come se non bastasse (anche se in realtà è la sua prima vera natura) è un catalogo, con quotazioni derivanti dall'analisi della domanda e dell'offerta e sempre ispirate ad una "politica filatelica" che in casa Vaccari hanno ben chiara: rivolgersi "ai collezionisti cercando di utilizzare elementi chiari e concetti sì mirati", ma anche "sollecitare l'interesse dei  collezionisti e, nello stesso tempo, ad attrarne altri o ad avvicinare nuovi adepti".
Tant'è vero che l'offerta culturale dell'editore vignolese continua anche con il consolidato semestrale "Vaccari Magazine" (del quale è appena uscito il volume n.44) e il quotidiano "Vaccari News".

Una "doppia anima" quella del Vaccari 2011-2012, Trattato Storico e Catalogo con valutazioni dei Francobolli e Storia Postale di Antichi Stati Italiani, Governi Provvisori e Regno d'Italia (dal 1850 al 1900), per metà listino e repertorio per metà enciclopedia. Un'evoluzione dell'opera cui ha lavorato in modo impegnativo Paolo Vaccari che quest'anno ha ricevuto la preziosa collaborazione di esperti del settore come Luigi Bonalumi, Alberto Del Bianco, Mario Mentaschi e Massimo Moritsch oltre ad una cinquantina di altri studiosi, commercianti e collezionisti, che hanno contribuito a migliorarlo.

Il volume, poco meno di 500 pagine a colori (25,00€ il prezzo di copertina), contiene la catalogazione e quotazione di tutti i francobolli in ogni possibile condizione: nuovi con gomma integra, con traccia di linguella, usati su lettera isolati e non, in strisce o blocchi, presentando anche saggi, prove di stampe, affrancature miste e i falsi dell'epoca, della filatelia italiana dalle origini sino al 1900, comprendendo quindi le vicende storico-postali del Regno Lombardo Veneto, dei Ducati di Modena e Parma (compresi i rispettivi governi provvisori), del Granducato di Toscana (con il periodo del Governo Provvisorio e del successivo Governo della Toscana), dei Regni di Napoli (Province Napoletane comprese), Sicilia, Sardegna, dello Stato Pontificio, del governo provvisorio delle Romagne e del Regno d'Italia, dal 1861 sino a tutto il 1900.

E come per ogni catalogo che si rispetti, anche per il nuovo Vaccari (presentato ufficialmente durante il Veronafil di novembre) la ricchezza risiede nella riproduzione a colori di esemplari - francobolli e documenti postali - di grande prestigio e rarità (a volte, pezzi unici) ogni anno sempre diversi, tant'è vero che sfogliando il volume si incontrano e ammirano oltre 1200 immagini a colori. In questo volume, per dirne una, compare (o meglio ricompare) il 3 Lire di Toscana, ex collezione Gaspary, nuovo linguellato senza gomma, di proprietà della stessa Vaccari, "ritrovato" dopo il furto subito nel 1994!

Ma cosa c'è di nuovo nell'ultima edizione del Vaccari? Per cominciare molte pagine in più rispetto alla precedente edizione 2008-2009: la sezione riguardante gli stati pre-unitari è stata ampliata (rivisti e completati i tariffari che adesso comprendono anche quelli per i rapporti interni e fra i diversi stati della penisola), il capitolo di Sicilia è stato "rivoluzionato" integrando le novità provenienti dal fondamentale "Sicilia 1859 - Tavole comparative dei francobolli" (opera dello stesso Paolo Vaccari) e per il Regno di Sardegna sono stati aggiunti i "riporti" della prima emissione.
Novità anche per quanto concerne il Regno d'Italia, che adesso comprende il nuovo capitolo "Firenze capitale", dal 1865 al 1871 con notizie storico-postali e riproduzione di documenti e affrancature, e quello dedicato alle "Cartoline vaglia", nuove ed usate, dal 1890 al 1896, regnante Umberto I.
A completamento dell'opera, una ricca bibliografia.

Per quanto conocerne le quotazioni, alla Vaccari ci tengono a precisare che si tratta di veri prezzi di mercato, spesso provenienti dall'esame dei realizzi in asta (opportunamente segnalati graficamente nelle tabelle). I prezzi godono di aumenti generalizzati anche se non mancano comparti poco richiesti sul mercato che hanno subito riduzioni o, nel migliore dei casi, alcuna variazione. Per tali francobolli, sottolinea Paolo Vaccari, guardando al futuro, "potranno esserci buone-ottime occasioni per il collezionista" ipotizzando che già nella prossima edizione "vi siano quotazioni in gran parte rivedute al rialzo."

I vostri commenti

Questo articolo non ha commenti.