ATTENZIONE!!! Philweb si è trasformato.
Dal 24 settembre è diventato un blog. Clicca qui e corri subito a vederlo!

Philweb.it - Home
Main Navigation
Martedì, 06 Dicembre 2022
 
Ultime notizie

Operatori, Prodotti e Servizi

Prodotti per l'editoria: nuove tariffe per le spedizioni in regime agevolato

In vigore da oggi nuove tariffe di Poste Italiane per quanti spediscono stampe periodiche in regime agevolato. Gli aumenti, conseguenti alla revisione dell’importo delle compensazioni dovute dallo Stato, riguardano le stampe periodiche edite da soggetti iscritti al ROC, ONLUS, organizzazioni No Profit, case editrici e librerie organizzate. Intanto per il prossimo anno è prevista l’introduzione di nuovi standard di accesso alle tariffe postali per prodotti editoriali.

Prodotti per l'editoria: nuove tariffe per le spedizioni in regime agevolato

Novità per quanti spediscono stampe periodiche e pacchi a tariffa agevolata. Da oggi, difatti, entrano in vigore le nuove tariffe messe a punto da Poste Italiane a seguito dell’entrata in vigore della Legge 29 novembre 2007, n. 222, che prevede la revisione dell’importo delle compensazioni dovute dallo Stato al concessionario del servizio universale.

Tra i prodotti editoriali in regime agevolato, lo ricordiamo, rientrano le seguenti tipologie di invio:

  • Stampe periodiche edite da soggetti iscritti al ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione);
  • Pieghi di libri a tariffa ridotta per le case editrici e le librerie autorizzate;
  • Stampe periodiche per l’Italia e l’estero edite da ONLUS ed altri soggetti No Profit;
  • Stampe promozionali e propagandistiche per l’Italia e l’estero delle ONLUS e degli altri soggetti No Profit;
  • Pacchi T.R.E. (Tariffa Ridotta Editoriale).


La Legge 222/2007, che ha convertito il decreto legge 1° ottobre 2007, n. 159, prevede che: A decorrere dall’esercizio finanziario 2008, l’importo della compensazione dovuta alla società Poste Italiane S.p.A. a fronte dell’applicazione delle tariffe agevolate, è ridotta del 7 % per gli importi annui relativi a ciascuna impresa beneficiaria di agevolazioni fino ad 1 milione di euro e del 12 % per gli importi annui relativi a ciascuna impresa beneficiaria di agevolazioni superiori ad 1 milione di euro. La società Poste Italiane S.p.A. è tenuta ad applicare la riduzione dell’agevolazione tariffaria di cui al comma 5, operando gli eventuali conguagli nei confronti delle imprese interessate.

Le nuove condizioni economiche, contenute entro i limiti previsti dalla norma, variano in funzione dell’adozione di nuovi standard di accesso ai servizi editoriali che verranno implementati sperimentalmente ed in maniera progressiva. Tali nuovi standard contribuiranno a migliorare la lavorazione meccanica degli invii, specialmente nella fase di recapito.

Al fine di meglio tarare il processo di omologazione dei prodotti editoriali, necessario per l’accesso alle tariffe agevolate, Poste ha chiesto la collaborazione delle associazioni di categoria degli editori, alle quali è stato richiesto di segnalare le caratteristiche tecniche più diffuse per ciascuna tipologia di stampa periodica. Agli editori, in particolare, è stato richiesto di segnalare, attraverso apposite schede, la lunghezza, la larghezza, il peso, lo spessore ed il volume di produzione annuo delle singole testate.

I nuovi standard a cui attenersi per ottenere l’omologazione (elaborate anche sulla base delle proposte e delle segnalazioni ricevute dagli editori), e le relative nuove tariffe, entreranno in vigore a partire dal 1° gennaio 2009. Sino a tale data tutti i soggetti autorizzati a spedire stampe a tariffa agevolata usufruiranno delle condizioni economiche entrate in vigore quest’oggi, che prevedono un incremento del 4 % rispetto ai precedenti importi.

Questo, invece, lo scenario previsto a partire dal prossimo anno:

  • ai soggetti le cui spedizioni rispettino i requisiti di prelavorazione e allestimento ed abbiano ottenuto l’omologazione del prodotto saranno applicate le tariffe economiche in vigore al 31 dicembre 2008 (che presumibilmente resteranno quelle introdotte oggi);
  • ai soggetti le cui spedizione rispettino unicamente i requisiti di prelavorazione e allestimento ma non abbiano ottenuto l’omologazione del prodotto saranno applicate in via definitiva le specifiche condizioni economiche pubblicate sul sito di Poste Italiane che, rispetto alle tariffe in vigore sino a ieri, prevedono un incremento del 7% per le spedizioni dei pieghi di libri e del 7,5% per la spedizione degli altri prodotti editoriali;
  • ai soggetti le cui spedizioni non rispettino i requisiti di prelavorazione e allestimento e non abbiano ottenuto l’omologazione del prodotto, saranno applicate le specifiche condizioni economiche pubblicate sul sito di Poste Italiane che prevedono gli incrementi previsti dalla normativa in relazione alle diverse categorie di beneficiari in funzione delle compensazioni maturale annualmente da ciascun soggetto editore.


Discorso analogo per i soggetti autorizzati a spedire i Pacchi T.R.E. (Tariffa Ridotta Editoriale). Da oggi sino al 31 dicembre saranno applicate tariffe con un incremento del 4 % rispetto alle precedenti. Tali tariffe saranno confermate dal 1° gennaio 2009 a quanti effettueranno spedizioni corredate da lettere di vettura prodotte secondo requisiti che saranno resi noti in seguito sul sito di Poste Italiane. Gli inviio non corredati dalle nuove lettere di vettura saranno soggette a nuove condizioni economiche che prevedono gli incrementi previsti dalla normativa in relazione alle diverse categorie di beneficiari in funzione delle compensazioni maturale annualmente da ciascuno speditore.

Nessun incremento è invece previsto per gli editori che spediscono le proprie stampe periodiche in regime libero e per quanti spediscono pieghi di libri a tariffa intera (tipologia di invio, quest’ultima, che nonostante sia liberamente accessibile a tutti, e nonostante le ripetute segnalazioni dei clienti, sul sito internet di Poste Italiane è ancora inserita tra i prodotti destinati esclusivamente alle imprese).

Link:
Tutte le tariffe postali per l'editoria valide dal 7 luglio 2008

I vostri commenti